logo

ABOUT
/ SPACE
/ CONTACT
/ HOW TO GET
/ NEWSLETTER

FIES CORE
B-FIES

EVENTS
FACTORY
/ TOUR DATES
PRODUCTIONS
RESIDENCIES
CO-WORKING

VISUAL LIBRARY

1
1
1
1
 


MOTHERLODE
35esima edizione Drodesera / 26 luglio > 02 agosto 2015 / Centrale Fies, Dro, TN
events

HOME / TRAILER / PROGRAM / BOOKLET / PARTNER / INFO / TICKETS / PRESALE / STAFF

PROGRAM / Cosmesi (IT) / Di natura violenta

01.08.2015, h 22.15
Turbina 1


EN

di / by Eva Geatti e Nicola Toffolini
con /with
Theo, Eva Geatti e le voci di Guido Beretta e Filippo Pagotto
collaborazione alla drammaturgia / collaboration to dramaturgy
- Tommaso Granelli
musica,registrazioni e suono dal vivo / music, recordings and live sound
- Marcello Batelli
con la collaborazione / additional recordings with
della sezione d'archi dell'Accademia Musicale di Firenze
grafiche / graphic design
- Alberto Merlin
luci / lights -
Cosmesi and Enzo Fascetto Sivillo
programmazione interattiva / interactive programming
- Frank Halbig
consulenza per l’allestimento / set consultant
- Giovanni Brunetto e Federico Bacci
amichevole collaborazione / friendly cooperation
- Emanuele Kabu, Michele Bazzana, Davide Macor e Debora Ercoli
produzione / production
Cosmesi
con la co-produzione di / with co-production of
Centrale Fies
in collaborazione con / in collaboration with
Ateliersi e Murmuris/Teatro Cantiere Florida
si ringrazia / thanks to
Le Murate Progetti Arte Contemporanea

Di Natura Violenta muove la sua ricerca attraverso coordinate orizzontali che sono voci e parole, sovrapposizioni e stratificazioni, dove l’immagine è ridotta all’osso perché è dell’isolamento che intendiamo parlare.
Un intreccio di soglie, confini, umori sfuocati, raggiunti e continuamente disattesi, per raccontare il desiderio e la paura profonda di un incontro con la Natura, dettato dalla volontà di staccarsi da quello che la società offre.
La Natura è masticata e digerita dalla società del ready-made emotivo; è un’idea, un riflesso di linguaggio, un contraccolpo sull’essere umano; è distaccata da quell'oscura vicinanza con l'uomo che possiamo percepire in profondità. C’é uno scollamento che ci separa dall’esperienza e di cui solo nell’ostinazione noi possiamo provare a cogliere una traccia.
Perché un individuo isolato è comunque in un intimo dialogo con gli altri.


Di Natura Violenta [Violent by nature] is a research project that develops through the horizontal dimension of voices and words, through superimposition and layering, with images stripped to the bone, because isolation is what we want to talk about.
An entanglement of thresholds, borders, blurred humors, constantly captured and then abandoned, to talk about the desire and the deep fear of coming face to face with Nature, a desire that has to do with wanting to move away from what society has to offer.
Nature is chewed and digested by this society of emotional ready-mades. It is an idea, a reflection of language, a recoil on human beings. It is separated by its obscure nearness to humans, which we can feel deep inside. There is something that detaches us from experience: traces of it can only be captured if we try hard enough.
Because an isolated individual is still communicating with others, in an intimate way.









Privacy e cookie policy