Riccardo Giacconi e Andrea Morbio, con Silvia Costa
LA MACCHIA. Studio per un radiodramma

data / date
24.07.2019, h. 19
luogo / place Centrale Fies / Mezzelune
durata / duration 60’
PRIMA NAZIONALE / NATIONAL PREMIERE



Acquista subito il tuo biglietto / Buy now your ticket

di / by Andrea Morbio e Riccardo Giacconi
con / with
Silvia Costa
voci / voices Giacomo Onofrio, Roberto Trussardi, Tarcisio Bottani, Jolanda Domizi, Italo Sordi e alcuni abitanti di / and some citizens of Camerata Cornello
mix e ricerca sonora / mix and sound research
Attila Faravelli
con la partecipazione di / with the participation of
Chiara D’Andrea e Carolina Valencia Caicedo
frammenti di articoli tratti dal quotidiano / fragments taken from the newspaper
La Stampa del / of 1914

13 luglio 1914. Sotto le lenzuola bianche giacciono i corpi senza vita di sette abitanti di un piccolo paese bergamasco. Tra di loro, alcuni esponenti delle autorità locali: il parroco, il medico condotto e il segretario comunale. Sono le vittime della strage di Camerata Cornello, compiuta e attentamente premeditata da Simone Pianetti. L’assassino è un uomo caduto in disgrazia, le cui attività economiche si sono rivelate fallimentari. Subito dopo la strage Pianetti fugge sulle montagne e di lui si perdono definitivamente le tracce.
Andrea Morbio e Riccardo Giacconi, con la partecipazione di Silvia Costa, presentano dal vivo un radiodramma in cui si articolano voci di paese, testimoni discordanti, paesaggi sonori e materiali d’archivio.

Dal 2010 Giacconi e Morbio collaborano al progetto di ricerca intitolato Simone Pianetti (1958 - ?), che hanno presentato sotto forma di mostre, proiezioni, performance e conferenze. Il progetto è stato ospitato da numerose istituzioni, fra le quali: Minerva Art Academy, Groningen (2018); Centrale Fies (2017); La Quadriennale di Roma; Tokonoma, Kassel; Institut national d’histoire de l’art, Parigi (2016); KABK, L’Aia, (2015); tranzit-display, Praga (2014); MACRO, Roma (2013); Viafarini, Milano (2011); La Alhondiga, Bilbao (2010).

13 July 1914. Under white sheets lie the corpses of seven inhabitants of a small town in the mountains near Bergamo. Among them are some representatives of the local authorities: the parish priest, the doctor and the town clerk. They are the victims of the Camerata Cornello massacre, carefully planned and carried out by Simone Pianetti. The murderer is a man in disgrace, whose business went into bankruptcy. Immediately after the massacre, Pianetti flees into the mountains, leaving no trace.
Andrea Morbio and Riccardo Giacconi, with the participation of Silvia Costa, present a live audio play with voices from that village, discordant witnesses, soundscapes and archival material.

Since 2010 Giacconi and Morbio have collaborated on a research project entitled Simone Pianetti (1958 - ?), which they presented in the form of exhibitions, screenings, performances and lectures. The project was hosted in many institutions, including Minerva Art Academy, Groningen (2018); Centrale Fies (2017); La Quadriennale di Roma; Tokonoma, Kassel; Institut national d’histoire de l’art, Paris (2016); KABK, The Hague, (2015); tranzitdisplay, Prague (2014); MACRO, Rome (2013); Viafarini, Milan (2011); La Alhondiga, Bilbao (2010).




CENTRALE FIES


IL GAVIALE società cooperativa
via Gramsci 13, 38074 Dro (TN)
CF e P. IVA: 01295630220, REA: TN – 128433
T. 0464/504700 / info@centralefies.it / info@pec.centralefies.it

web project by crushsite.it






Il reportage multimediale del festival