Filippo Minelli

data / date
28.07, h. 17.30
luogo / place Le Terme
durata / duration 60’

TALKI'N ABOUT

La mia ricerca si concentra su l’estetica trans-nazionale che ha plasmato la mia generazione, cresciuta fra la periferia, anche come stato esistenziale, e gli aspetti esotici della comunicazione globale dopo l’arrivo di internet. Un'estetica non ancora storicizzata ma tangibile nel paesaggio, frutto dell’ideologia liberista esplosa dalla caduta del muro di Berlino e per decenni di globalizzazione, libera circolazione delle merci e delle informazioni.

Filippo Minelli (Brescia, 1983) è un artista contemporaneo con base a Barcellona, interessato al paesaggio e alla sua rappresentazione. Indirizzato a questionare il ruolo dell’identità e le sue narrative, nel mondo naturale come in quello digitale, il lavoro di Minelli si concentra sui confini più che sulle nazioni. Negli anni ha esposto regolarmente all'estero in gallerie private e istituzioni pubbliche.

My research focuses on the trans-national aesthetic, which has shaped my generation, grown up in suburbs, also as existential status, and the exotic aspects of the global communication after the advent of Internet. An aesthetic that has not been historicized yet, but is tangible in the landscape, the result of the liberal ideology spread since the fall of the Berlin wall and for decades of globalisation, free circulation of goods and information.

Filippo Minelli (Brescia, 1983) is a contemporary artist based in Barcellona, interested in landscape and its representation. Aimed at questioning the role of identity and its narrations, in the natural world as well as in the digital one, Minelli’s work focuses on boundaries rather than on nations. For years, he has exhibited regularly his works abroad, in private galleries and public institutions.




CENTRALE FIES


IL GAVIALE società cooperativa
via Gramsci 13, 38074 Dro (TN)
CF e P. IVA: 01295630220, REA: TN – 128433
T. 0464/504700 / info@centralefies.it / info@pec.centralefies.it

web project by crushsite.it






Il reportage multimediale del festival